Gabriele D’Annunzio

I villaggi sono rosei laggiù come le conchiglie che si trovano nella terra a miriadi.

Un giorno vorrei andare con voi ad Arquà.

Ugo Foscolo

mugghiano le giovenche, e il vento pare che si compiaccia del susurrar delle fronde"

"Cantano flebilmente gli uccelli come se piangessero il giorno che muore,

Francesco Petrarca

"E nulla stringo, et tutto ‘l mondo abbraccio"

Home Page2018-07-18T15:54:44+00:00

Il Parco letterario Francesco Petrarca

Fonte d’ispirazione per generazioni di importanti scrittori, poeti ed artisti, la quieta ed incantevole bellezza dei Colli Euganei costituisce ancora oggi una delle principali seduzioni della provincia di Padova. Dall’amor cortese dei trovatori provenzali, cantori della bellezza di Beatrice e del loro ospite Azzo VI d’Este, insieme a Shelley, Byron e Foscolo si scoprono luoghi che ispirarono pagine ineguagliabili dei classici più amati e lettere appassionate di poeti e scrittori romantici. Colori, sapori e profumi unici introducono ad oasi ambientali, antiche abbazie, castelli, ville, ritiri campestri e altre tappe eccellenti come la casa di Francesco Petrarca ad Arquà, ultima, amatissima, dimora del Poeta, le terme già cantate da Claudiano nel IV sec e la Villa dei Vescovi ammirata da Dino Buzzati.

Le Targhe Letterarie

Scopri le Targhe letterarie del parco

Gli eventi del Parco Letterario