/, Gabriele D'Annunzio/Gabriele D’Annunzio ad Arquà Petrarca
Gabriele D’Annunzio ad Arquà Petrarca2018-06-27T08:06:38+00:00

Project Description

Gabriele D’Annunzio

Strada Provinciale 21
Arquà Petrarca

Guardate laggiù i Colli Euganei, Foscarina. Se il vento si leva, andranno vagando per l’aria come veli, ci passeranno sul capo. Non li ho mai veduti così trasparenti…   Un giorno vorrei andare con voi ad Arquà. I villaggi sono rosei laggiù come le conchiglie che si trovano nella terra a miriadi. Quando arriveremo, le prime gocce d’una pioggerella improvvisa toglieranno qualche petalo ai fiori dei peschi. Ci fermeremo sotto un arco del Palladio, per non bagnarci. Poi cercheremo la fontana del Petrarca, senza domandare a nessuno la via. Porteremo con noi le Rime nella piccola stampa del Missirini, quel libretto che tenete presso il capezzale e che ormai non si può più chiudere perché s’è gonfiato d’erbe come un erbario da bambola… Volete che andiamo, un giorno di primavera, ad Arquà? Ella non rispondeva ma gli guardava le lebbra che dicevano quelle gentili cose; e, senza speranza, si piaceva del suono e dell’atto e non d’altro, fuggevolmente. In quelle imagini di primavera e in una sestina del Petrarca era per lei il medesimo incanto lontano. […] E prese per le mani la donna, la scosse un poco, la guardò in fondo agli occhi, tentò di sorridere; poi la trasse verso il sole, su l’erba del prato. “Che tepore! Senti? Com’è buona l’erba!” Egli socchiuse gli occhi per ricevere i raggi sulle palpebre, subitamente ripreso dalla voluttà di vivere. Ella lo imitò, sedotta dal piacere del suo amico; e di tra i cigli guardava la bocca di lui fresca e sensuale. Rimasero così per qualche attimo sotto la carezza del sole, con i piedi nell’erba, con le mani nelle mani, sentendo nel silenzio palpitare le loro vene come ruscelli che si fanno più rapidi quando il gelo si discioglie a primavera. Ella ripensò i Colli Euganei, i villaggi rosei come le conchiglie fossili, le prime gocce della pioggia su le foglie nuove, la fontana del Petrarca, tutte le gentili cose.

da Il fuoco, 1900